Filtra per contenuto
Ricerca per Temi
Ricerca Destinazione
Continente
Paese
Regione
Provincia
Località

Partendo da
Continente
Paese
Regione
Provincia
Località
Ricerca Data
Partenza dal
al
Rientro dal
al
Ordina per:

 
NEWS    
Filtra per contenuto

 
  precedente Pagina: | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 ... di 18 seguente  
Sembra che ci sarà un patentino per chi si sarà vacinato contro il Covid-19
2020-12-29

Sono partite le vaccinazioni contro il Covid-19. Il Governo punta a vaccinare almeno l'80 per cento della popolazione italiana entro l'autunno 2021. La decisione, comunque, spetta al cittadino; non è obbligatoria. Non abbiamo titolo e non vogliamo spingere verso una o l'altra decisione ma è indubbio che il vaccino potrebbe risultare la vera opportunità per chi decidesse di tornare a viaggiare. Sembra che sia allo studio una sorta di patentino che se condiviso a livello di comunità europea, ma sarebbe meglio fosse mondiale potrebbe costituire la soluzione per molti. Per molti anni, in alcuni paesi veniva richiesta la vaccinazione contro la febbre gialla e anche la Polio. Il nostro progetto è sul Turismo e puntiamo a far viaggare la gente con consapevolezza, con l'ausilio di ottimi professionisti e, ovviamente, in piena sicurezza. Fin che ci pensano, fin che si attrezzano, noi "ci diamo da fare e ci attrezziamo". E' già disponibile, nel nostro database, il link per caricare l'eventuale pdf che attesta di essere stati vaccinati contro il Covid-19. Di certo dovremo riaggiornare il sito ma probabile che nessuno, sino ad oggi, abbia pensato di strutturare questa cosa. Con la versione aggiornata puntiamo a rendere sempre più condivisibile la scheda dei professionisti: in un click a un link si potrà sapere se: 
- ha titolo per esercitare
-è "sicura" in considerazione del covid.

Non male, no?
Un nuovo presidio Slow Food per la provincia di Verona
2020-12-23

Riceviamo e, molto volentieri replichiamo, il comunicato stampa arrivatoci da Slow Food. Il nostro progetto è da sempre legato al messaggio che il Movimento iniziato da Carlo Petrini vuole promuovere. Nel nostro database abbiamo dato visibilità ai vari presidi e sosteniamo iniziative che vedano presenti tematismi e prodotti. Pensiamo che il settore Turismo possa e debba inserire tematiche econosostenibili e contribuire anche a un promozione e valorizzazione di territori, di colture e culture degli stessi. Ecco qui il link al presidio "Pecora Brogna" 
Allegati
Auguri a tutti di Buone Feste
2020-12-20

Un anno pazzesco...non abbiamo grandi armi. Vi facciamo i nostri Auguri; quest'anno sono ancora più sentiti, più sinceri
12 anni di Turismoinrete
2020-12-18

12 anni fa, all'hotel Montresor di Bussolengo (VR), presentammo ufficialmente il progetto Turismoinrete. Oggi ci preme sottolineare che non si trattava/tratta di un sito; a dire il vero, non è nemmeno un portale ma un progetto di lavoro, un metodo che si basa anche su un database ma che sostanzialmente vuole creare una condivisione di contenuti per dare credibilità alle professioni del Turismo e qualificare quanto viene proposto dalle Aziende del Turismo. Con Turismoinrete, se lo desiderate, interveniamo anche nella vostra attività in generale:
- vi diamo qualche input sull'ottimizzazione dell'uso dei social;
- vi diciamo come usare le vostre foto, i vostri interni e le vostre vetrine;
-vi forniamo degli strumenti in più per diventare più credibili, sia nei confronti del cliente finale che      dei vostri colleghi
- vi invitiamo a fare rete per diventare più forti e più visibili
in buona sostanza: puntiamo a darvi la consapevolezza di valere
Oggi, dopo 12 anni, siamo ancora qui...con tante difficoltà da superare, rese ancora più ardue da questa devastante pandemia, ma forse proprio in questo momento, dove tutti siamo nella stessa situazione, verranno compresi, verranno condivisi, i nostri propositi. Sembra che sia oramai un disco rotto: "siamo invisibili". Noi di Turismoinrete vi diciamo che non è così, se lo volete, non è e ancor più "non sarà" così. Facciamo rete, facciamo squadra. Dimostriamo che immensa banca di esperienze siamo e che cosa possiamo fare, prima di tutto, per il Turismo in Italia. Noi ci siamo, siamo con Voi, esistiamo "per Voi"
I commerciali...anche loro sono nel nostro database. Importante messaggio da parte di Bruno Normanno
2020-12-17

Per noi assolutamente logico dare risalto a questa intervista che Bruno Normanno ha rilasciato a Massimo Terracina di Travel Quotidiano.

 «Gli agenti e rappresentanti di commercio del turismo organizzato, definiti “commerciali turismo” sono circa un migliaio in Italia e rappresentano l’anello di congiunzione fondamentale tra la produzione e la distribuzione. L’attività di “commerciale turismo” viene normalmente svolta da un agente o rappresentante di commercio (in limitati casi, anche da un procacciatore), che opera attraverso un’autonoma figura giuridica, sia sotto forma di ditta individuale, che di società di persone o di capitali, in forza di un mandato di agenzia (o di procacciamento), per un determinato territorio assegnato, finalizzato alla promozione e commercializzazione di prodotti e servizi turistici, sottoscritto con aziende mandanti produttrici del turismo organizzato (tour operator, catene alberghiere, vettori, Ota, etc.) verso la distribuzione (le agenzie di viaggio)». A parlare e farsi “parte diligente” è Bruno Normanno, con un’esperienza pluridecennale che ha particolarmente a cuore la situazione sua e dei colleghi. I ricavi dei “commerciali turismo” si basano esclusivamente sulle provvigioni maturate sulla intermediazione di pacchetti e servizi turistici commercializzati tramite le agenzie di viaggi. Tali ricavi sono stati fortemente compromessi e talvolta azzerati, dalle restrizioni nell’effettuare viaggi all’estero ed in Italia a causa della pandemia.
«Ad oggi la situazione è drammatica – spiega Normanno – Ci troviamo praticamente occupati, ma senza lavoro dall’inizio della pandemia e non ci sono certezze sulla ripartenza: le aziende produttive mandanti e le agenzie di viaggi della distribuzione  hanno il personale in cassa integrazione e sono di fatto chiuse non avendo nulla da vendere fino a quando non saranno riaperti i corridoi turistici».
Da mesi senza ricavi, la situazione dei commerciali e delle loro famiglie si fa ogni giorno più difficile con le risorse che si stanno rapidamente esaurendo: le ditte mandanti non pagano più gli anticipi provigionali ed in tanti hanno differito il pagamento di tasse e contributi per avere la liquidità necessaria alla pura sussistenza. Senza contare che la perdita del fatturato in questo 2020 causerà la futura mancanza di importanti indennità che altrimenti sarebbero maturate e le disdette inviate dalle ditte mandanti.
«A questo punto urge che ci muoviamo, come hanno fatto altre categorie – prosegue Normanno – e vorremmo fare una proposta. Con il “Decreto Ristori” sono stati stanziati importanti aiuti sia per gli operatori della produzione, sia per gli operatori della distribuzione; mentre i “commerciali turismo”, sono stati completamente dimenticati.
Per tutti loro, a nulla sono valse le misure messe in atto ad oggi per il sostegno di imprese: infatti sono state “ristorate” pochissime attività legate a codici “ateco”, quasi mai rispondenti alla categoria dei commerciali turismo che sono privi di un preciso codice di riferimento.
Un’ulteriore criticità è determinata dalla valutazione del calo di fatturato basata soltanto sul mese di aprile 2020 (confrontata su aprile 2019). La nostra categoria emette fatture in date successive alla effettiva maturazione delle provvigioni e spesso a cadenze bimestrali, trimestrali».
Con queste premesse la proposta si concretizza nella richiesta di una misura ad hoc per la categoria, che possa ristorare parte del profitto perso dall’inizio della pandemia (marzo 2020), sino a fine anno 2020 e comunque sino a quando ci saranno le condizioni per una ripresa del turismo nazionale ed internazionale.
«La misura della quale sarebbero beneficiari i “commerciali turismo” – conclude Normanno –  dovrebbe prevedere un ristoro, basato sul calo di fatturato subito nel periodo dal I maggio al 31 dicembre 2020, confrontato con lo stesso periodo del precedente anno, detraendo il valore di eventuali ristori precedentemente percepiti e/o tasse e contributi non versati nel periodo della pandemia. Con precedenza assoluta per i commerciali turismo rimasti senza mandato».
Per attestare l’appartenenza alla categoria dei commerciali turismo, non si farà riferimento a specifici codici “ateco”, bensì ad autocertificazione che confermi la natura dell’attività svolta, eventualmente allegando copia del mandato o lettera di incarico o copia fatture che confermi l’attività esercitata per conto di aziende preponenti del settore turismo. Pare così assurdo al Governo?

Massimo Terracina

Siamo estramente vicini a questa categoria che consideriamo fondamentale per la filiera turistica. Però speriamo non si dispiacciano se anche a loro facciamo arrivare la nostra riflessione. Si parla di 1 migliaio di professionisti. Conosciamo diverse attività legate a renderli visibili come figura professionale; siamo a conoscenza di iniziative e di sforzi da parte di associazioni e federazioni che vogliono renderli più riconoscibili come categoria (per assurdo, hanno codici Ateco diversi e quindi non considerati in aiuti o sostegno) . Come Turismoinrete, come facciamo con agenti di viaggio, guide, tour leader, anche a loro suggeriamo di "darsi da fare", di fare azioni (come quella di inserire report nel nostro database) per diventare strategici, per se stessi ma anche per le aziende che rappresentano. Il commerciale diventa fondamentale quando è formato, quando ha visitato paesi o conosciuto personalmente le caratteristiche del/dei brand che rappresenta. Pensate inoltre se 1000 commerciali che sono costantemente sul territorio, si abituassero a raccontare i ristoranti dove, chiaramente per lavoro, vanno a pranzo o a cena. Descrivessero gli hotel che li ospitano o le sale meeting dove organizzano briefing o meeting con le agenzie di viaggio. Sarebbe una quantità incredibile e, costante, che permetterebbe loro di "essere visibili". Non da ora, stiamo cercando di far capire questo...Chissà che da questa incredibile situazione, non nasca, finalmente, una consapevolezza diversa. La loro vetrina è disponibile.  
Partecipazione al Bando Ri-partiamo. Non è andata bene ma ci serve per il futuro
2020-12-12

Qualche giorno fa, il nostro GM Andrea Gozzi, ha raccontato l'esperienza  di Turismoinrete, grazie alla società CiSei, al Bando lanciato dalla Regione Veneto a sostegno del Rilancio del Turismo nel Veneto. Eravamo molto fiduciosi sull'esito dell'iniziativa perchè ci pareva di avere tutte le caratteristiche perché venisse tenuto in considerazione. Il progetto denominato Turismo in rete (che in realtà è stato presentato dalla Consorzio Gamma Servizi): sostenibilità ed emozioni per le agenzie di viaggio (per un importo complessivo di 110.360,00€ è stato ammesso ma non accettato poi da chi decideva. Il punteggio assegnato e' stato di 24 punti; la Regione Veneto ha considerato di finanziare i progetti che partivano da un punteggio di 30. Alla nostra proposta hanno aderito 8 agenzie di viaggio (che torniamo a ringraziare per la fiducia) che avrebbero potuto usufruire di un pacchetto formativo che permetteva di formarsi sulla comunicazione, sullo storytelling, su quanto necessario per utilizzare al meglio la piattaforma. Per vostra conoscenza (noi abbiamo imparato ora, da questa prima esperienza) un buon 60 % della quota finanziata viene, appunto utilizzato per la formazione. Ma la quota restante è possibile utilizzarla per spese, anche materiali. Noi avevamo già deciso di coinvolgere le 8 agenzie nella vera progettualità di Turismoinrete. Un ammontare di ca 40 mila euro avrebbe permesso di fare quello che ci è diventato drammaticamente necessario: "rifare la piattaforma". Avremmo fatto diventare soci del progetto le 8 agenzie e con una piattaforma nuova, più facile da interpretare, più adatta ai tempi, più performante, di certo avremmo dato una bella scossa al progetto. Questo era lo spirito con cui abbiamo partecipato al Bando e, dopo la non riuscita, è lo spirito che ci porta ad invitare tutte le agenzie, ma non solo, presenti sul territorio nazionale ad utilizzare questa nostra esperienza per partcipare ai futuri bandi che sicuramente ci saranno nel 2021. La nostra varietà di temi, l'enorme potenziale costituito dai professionisti nei diversi ruoli e attività, le sinergie e gli interessi che condividiamo col mondo della cultura oltre che dell'agricoltura; la possibilità di mettere in rete strutture ricettive e ristorative, località termali, musei o centri di interesse, attività rurali e agricole ma anche comuni, province, Regioni...ma soprattutto tutto il nostro Bel Paese, fa diventare il progetto Turismoinrete un collante per tutti. Lo confessiamo: avremmo voluto/sperato che una associazione capisse le potenzialità che ci sono ma non ci hanno ascoltato...peccato! Oggi, con maggior forza, con maggior vigore siamo pronti ad affrontare la sfida. Cercheremo di analizzare i progetti finanziati e capire/individuare i punti di forza per non sbagliare la prossima volta ma soprattutto per dare i necessari suggerimenti a tutti Voi. Il metodo di lavoro legato a Turismoinrete è già attivo, operativo e per chi si da da fare ci sono già anche i frutti ma chiaramente si basa anche sulla piattaforma che dobbiamo per forza rinnovare velocemente. Oggi, 17 dicembre, quei progetti finanziati, dovrebbero iniziare ad operare...Noi eravamo convinti, ma lo siamo ancor più ora, che sia molto meglio partire da un progetto già scritto, studiato, testato...che ha bisogno di una grafica, ma che per noi non si ferma lì. Noi siamo disponibilissimi a discuterlo con Voi ma ci vuole una partecipazione attiva. Sia nell'utilizzare da subito lo strumento e il metodo, che nel "portare" risorse. Turismoirete ha le sue entrate, si sostiene ma non è in grado, da solo, di arrivare a raccogliere il capitale necessario per fare in autonomia questo salto (vi confessiamo che ci speravamo davvero, eh? ed è per questo che sta approntando sia la nascita di un crowdfounding che il valutare la costituzione di un consorzio (l'associazione TIR esisterebbe già) dove ognuno può avere quote e quindi voce per le decisioni. L'idea, anche per recuperare, una parte degli investimenti economici e di tempo, in questi anni, è di fissare una quota di 1.000€ per provincia per chi vorrà essere il referente della stessa Questo sino alle prime 25 adesioni. Con quell'importo si potrà avviare la realizzazione del nuovo portale. Dalla 25isma alla 50esima, l'importo sarà di 2.000€. Dalla 51esima alla 107 esima sarà di 3.000€ . Sono a disposizione per dimostrare che seguendo le linee guida del progetto e con un minimo di organizzazione la quota si recupera velocemente.Ogni responabile di provincia avrà un voto per decidere delle procedure da attuare e per gestire i diversi investimenti. La suddivisione delle entrate è stata ben chara da sempre e scritta tra le informazioni sul sito. Per il 2021 riproporremo una formula easy per entrare. Chi sottoscriverà il servizio di promozione delle proposte di viaggio e pagherà contestualmente tutto l'importo riceverà dei benefit. Ma di questo parleremo più avanti. Oggi, siamo a dirvi: pensate a Turismoinrete come "vostro progetto" e utilizzato nei prossimi bandi. Lo mettete a costo per soli 1.000€ e diventate soci dello stesso. Rinnovo il mio essere a disposizione per ogni chiarimento. 
Allegati
L'ufficio per il Turismo di Malta premia l'agente dell'anno ma anche altro
2020-12-05

Abbiamo apprezzato l'iniziativa di Malta Tourism Authority, che ha deciso premiare l'agente di viaggio dell'anno. Nel portale ufficiale è inoltre strutturato un corso di formazione realizzato con 17 video e delle domande di verifica. Tra i partecipanti che completano il corso possano candidarsi a un famtrip che si realizzerà nel 2021. La nostra speranza è che in futuro il titolo possa essere attribuito anche visionando il nostro progetto: interessante sapere chi è stato a Malta e chi riesce a descriverla meglio. I partecipanti al famtrip potrebbero essere: il miglior agente, il miglior Destination  Manager, il miglior blogger, etc.
Trusty anche alla Manifestazione degli agenti di viaggio di Vicenza
2020-11-01

Dopo la partecipazione a Verona, siamo stati anche con gli agenti di viaggio di Vicenza. Trusty non smette di adoperarsi per gli addetti ai lavori. 

 
  precedente Pagina: | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 ... di 18 seguente